E ch'entro il carro (Pomponio Nenna)

From ChoralWiki
Revision as of 00:40, 1 January 2024 by CHGiffen (talk | contribs) (Text replacement - "* {{PostedDate|2023" to "*{{PostedDate|2023")
(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)
Jump to navigation Jump to search

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
Icon_pdf.gif Pdf
Icon_snd.gif Midi
MusicXML.png MusicXML
File details.gif File details
Question.gif Help
  • (Posted 2023-02-08)  CPDL #72549:       
Editor: Willem Verkaik (submitted 2023-02-08).   Score information: Letter, 3 pages, 250 kB   Copyright: CPDL
Edition notes:

General Information

Title: E ch'entro il carro
Composer: Pomponio Nenna
Lyricist:
Number of voices: 5vv   Voicing: SSATB
Genre: SecularMadrigal

Language: Italian
Instruments: A cappella

First published: 1582 in Di Pomponio Nenna da Bari,Il primo libro de madrigali, 5vv, no. 3
Description: This Canzone is composed of 6 parts:
1. Poiche legato il piè (Pomponio Nenna)
2. Qui si raggiona (Pomponio Nenna)
3. E ch'entro il carro (Pomponio Nenna)
4. E che per segno (Pomponio Nenna)
5. E dicesi ch'in giostre (Pomponio Nenna)
6. Vanne Canzon (Pomponio Nenna)

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

1. Poiche legato il piè mi tien si forte,
Raggion non giama sorte,
E d'or l'aspra catena,
Di gir mi vieta ove il desio mi mena.
Vorrei gran Duca trasformarmi in vento,
Si che venir potessi ove tu sei
E la con gli occhi miei,
Veder quel che di te lungi qui sento.

2. Qui si raggiona che'l di tutto intero,
Ne vai lieto et altero,
Del caro amato figlio,
Di bianco asperso il volto e di vermiglio,
Ch'alla sua madre in grembo e alla cuna
Sembra qual bella fu poco anzi e era,
Fra noi la primavera,
O qual al ciel il sol stella alba e luna.

3. E ch'entro il carro eletti spirti e belli,
Cantono e tu con elli,
Vai pur ed io di lungo,
D'invidia il petto mio traffigo e pungo,
Ch'ancor libero e sciolto un di vorria,
A par de gli altri il canto
Far risonar da canto,
Qual posso et so con la mal Cetra mia.

4. E che per segno di laetitia a mille,
I tamburri e le squille,
S'odono a tutte l'hore,
In Ruvo in Andri dentro e tal'hor fore,
E i lumi accesi alle fenestre intorno,
Et alle strade tutte in ogni loco,
Arder mai sempre il foco,
Fanno all'oscura notte un chiaro giorno.

5. E dicesi ch'in giostre et in tornei,
Mostrato hai quanto sei
A lancia avezzo e spada,
Dil che par ch'ogni parte ogni contrada,
Si meraviglia e a gli atti destri et conti,
Caggion ch'i preggi barriando poi,
Furono tutti i tuoi,
Chi parte n'hebbe il sa dical'et conti.

6. Vanne Canzon ch'io gir non posso ove io,
Cosi roza t'invio,
E di al Duca che fai,
Ch'alta gioia il mio duol vince d'assai.